Noci e semi

Noce nera combatte parassiti, malattie cardiache, funghi e altro

Sappiamo che i legumi, le noci e i semi possono essere alcuni dei superalimenti più sani in circolazione se consumati con moderazione, e una delle noci migliori per la salute è la noce. La nutrizione delle noci ha dimostrato di aiutare a combattere la depressione, migliorare la salute del cervello, aumentare la salute del cuore e altro ancora. Ma sapevate che c’è un tipo di noce in particolare, la noce nera, che fornisce alcuni notevoli benefici di per sé?

La noce nera è stata un’aggiunta nutriente alla dieta degli individui fin dai tempi antichi, dai nativi americani alle culture asiatiche. Gli studi si sono concentrati sui costituenti, flavonoidi, chinoni e polifenoli presenti nei noccioli, noti per le loro proprietà antineoplastiche, antinfiammatorie, antiossidanti, antiaterogene e neuroprotettive.

Dato che le noci nere sono un superalimento popolare, e la ricerca moderna sta solo grattando la superficie quando si tratta di scoprire i potenti componenti nutrizionali che queste noci uniche contengono, come descrivo qui di seguito. (1)

Che cos’è la noce nera?

La noce nera (Juglans nigra), nota anche come noce americana, è una grande specie di legno duro nel Juglandacea famiglia e originaria del Nord America orientale prima di estendersi verso ovest verso la California. Con altezze che arrivano fino a 100 piedi e radici profonde fino a 10 piedi, aumenta la stabilità e il supporto per l’albero di noce nero, ma rende difficile assorbire l’acqua.

Questo è il motivo per cui si possono trovare noci nere che crescono in regioni con piogge occasionali o vicino ai letti del torrente. Le foglie sono a forma di lancia, di colore verde chiaro e di diversi pollici di lunghezza. La corteccia è nera, profondamente solcata, spessa e, quando raschiata, rivela un sottosuolo coperto di oscurità.

L’albero è originario dell’Himalaya, del Kirghizistan, dell’Asia centrale ed è stato coltivato in Europa già nel 100 a.C. L’albero di noce nera è stato anche storicamente usato per sbarazzarsi di febbre e curare disturbi renali, problemi gastrointestinali, ulcere, mal di denti, morsi di serpente e sifilide.

Studi recenti hanno mostrato che i gusci della noce nera contengono sostanze chimiche che inibiscono la crescita batterica e fungina e possono essere utili nel controllo delle infezioni cutanee, mucose e orali nell’uomo.

Benefici alla salute

1. Espelle i parassiti

Uno dei componenti attivi chiave dello scafo in noce nero è juglone. Juglone esercita il suo effetto inibendo alcuni enzimi necessari per la funzione metabolica. È altamente tossico per molti erbivori insetto – è spesso usato dai giardinieri biologici come pesticida naturale – e i ricercatori hanno osservato che la noce nera può espellere i vermi parassiti dal corpo.

Secondo la Pharmaceutical Society of Australia, la noce nera è efficace contro tigna, tenia, vite senza fine e altri parassiti dell’intestino. (2) Questo è il motivo per cui la noce nera è un’ottima aggiunta a qualsiasi pulizia del parassita.

2. Promuove la pelle sana

I tannini in noce nero hanno un effetto astringente, che viene utilizzato per stringere l’epidermide, le mucose e alleviare l’irritazione. Le applicazioni dermatologiche associate alla noce nera includono verruche virali, eczema, acne, psoriasi, xerosi, tinea pedis ed edera velenosa. (3)

3. Migliora la salute cardiovascolare

Le noci nere sono un’ottima fonte di acido alfa-linolenico (ALA), con 100 grammi di noci contenenti 3,3 grammi di ALA. (4) Le noci sono un alimento base dell’elenco degli alimenti dietetici mediterranei, una dieta ritenuta salutare nel ridurre i tassi di mortalità per malattia coronarica, che è bassa nelle popolazioni mediterranee.

Recenti studi epidemiologici suggeriscono che il consumo frequente di noci può avere effetti protettivi contro la malattia coronarica a causa degli effetti promettenti sui profili lipidici del sangue. Negli studi clinici, le diete integrate con le noci hanno ridotto la concentrazione sierica di lipoproteine ​​a bassa densità e colesterolo.

Altri potenziali componenti protettivi comprendono elevate quantità di magnesio, vitamina E, proteine, fibre alimentari, potassio e acido alfa-linolenico. (5)

4. Tiene l’attività antimicotica e antimicrobica

Il succo degli scafi di noce nera acerbi è stato usato nella medicina popolare per molti anni come trattamento per le infezioni fungine dermofite localizzate topiche, come la tigna. Queste infezioni fungine di solito coinvolgono i tessuti cheratinizzati, come capelli, pelle e unghie. Tali infezioni possono essere croniche e resistenti al trattamento ma raramente influenzano la salute generale del paziente.

È stato suggerito che l’attività biologica dello scafo di noce nero è dovuta al naftochinone, il juglone (5-idrossi-1,4 naftochinone). L’attività antifungina di juglone è stata paragonata anche ad altri noti agenti antifungini, come griseofulvin, clotrimazolo, tolnaftato, triacetina, zinco undecilenato, selenio solfuro, liriodenina e liriodenina metionina.

In uno studio, è stato determinato che la juglone presentava una moderata attività antifungina simile allo undecilenato di zinco e al solfuro di selenio, che sono agenti antifungini disponibili in commercio (6). Internamente, la noce nera viene anche utilizzata per costipazione cronica, tossiemia intestinale, congestione portale, emorroidi e giardia.

I derivati ​​di 1,4-naftochinoni sono stati di grande interesse clinico poiché questi composti mostrano una forte attività come agenti antibatterici e antifungini. Una serie di 50 derivati ​​del naftochinone è stata sintetizzata e valutata per le proprietà antibatteriche e antifungine, con la più alta attività contro i sintomi di S. aureus e candida e un’attività moderata contro i batteri gram-positivi e acido-resistenti.

Un altro studio ha dimostrato che la juglone può potenzialmente inibire tre enzimi chiave da Helicobacter pylori, un batterio gram-negativo che causa diverse malattie gastrointestinali umane. Diverse specie di alghe, tra cui Anabaena variabilis e Anabaena flos-aquae, sono state significativamente inibite dalla juglone. (7)

5. Aiuta a proteggere contro il cancro

I chinoni sono stati associati all’attività antitumorale. Juglone è un chinone che si trova nelle foglie, nelle radici e nella corteccia degli alberi di noce nera. L’esocarpo di frutta verde acerba, corteccia e rami è stato usato in Cina per curare il cancro al fegato, ai polmoni e allo stomaco. Juglone blocca i canali di potassio, favorisce la generazione di perossido di idrogeno e inibisce la trascrizione nelle cellule tumorali.

In uno studio recente, è stato dimostrato che promuove la morte cellulare nelle cellule del colon-retto umano e, dato il contenuto di juglone di noci nere, potrebbe rendere la noce nera un potenziale alimento per combattere il cancro. (8)

Valori nutrizionali

Foglie, corteccia e frutti di noce nera contengono un componente chiamato juglone, noto anche come 5-idrossi-1,4-naftalenedione, un componente attivo noto per essere efficace contro i vermi, il virus del mosaico del tabacco e l’H-pylori.

La plumbagin, o 5-idrossi-2-metil-1,4-naftochinone, è un componente quinoide che si trova anche in Juglans nigra. La plumbagin è nota per i suoi potenziali benefici per la salute essendo neuroprotettiva. Inibisce la crescita ectopica del carcinoma mammario umano, del melanoma e delle cellule tumorali non a piccole cellule. È stato riferito che la plumbagin induce l’apoptosi, inibendo la crescita delle cellule tumorali della prostata e del pancreas. (9)

La plumbagin è stata valutata per l’attività antimalarica contro Anopheles stephensi Liston, un vettore di zanzare della malaria. Dopo il periodo di esposizione di tre ore, è stata osservata mortalità larvale contro A. stephensi. I risultati, pubblicati in Ricerca parassitologica, dimostrano che la plumbagin può essere considerata una nuova potenziale fonte di larvicida naturale per il controllo della malaria. (10)

Altri componenti trovati in noce nero includono: (11)

  • Derivato dell’1-alfa-tetralone
  • (-) – regiolone
  • Stigmasterolo
  • Beta-sitosterolo
  • Taxifolin
  • Kaempferol
  • La quercetina
  • Myricetin

La noce nera contiene anche maggiori quantità di antiossidanti, polifenoli e acidi grassi monoinsaturi, come il gamma-tocoferolo. Questi componenti sono stati correlati con la prevenzione e / o il trattamento di diversi tipi di malattie, tra cui condizioni neurodegenerative, cancro e diabete.

Altri nutrienti presenti anche nella noce nera includono folati, melatonina e fitosteroli. Basato sulla sua composizione fitochimica e fitonutriente, la noce nera è un’aggiunta potenzialmente potente e benefica nelle diete al fine di promuovere la salute generale.

Inoltre, un’oncia (28 grammi) di noci nere contiene circa: (12)

  • 173 calorie
  • 2,8 grammi di carboidrati
  • 6,7 grammi di proteine
  • 16,5 grammi di grassi
  • 1,9 grammi di fibra
  • 1,1 milligrammi di manganese (55% DV)
  • 0,4 milligrammi di rame (19 percento DV)
  • 56,3 milligrammi di magnesio (14 percento DV)
  • 144 milligrammi di potassio (14 percento DV)
  • 0,2 milligrammi di vitamina B6 (8 percento di DV)
  • 4,8 microgrammi di selenio (7% DV)
  • 0,9 milligrammi di zinco (6 percento DV)
  • Ferro da 0,9 milligrammi (5 percento DV)

Come usare e cucinare

La stragrande maggioranza delle noci acquistate nei negozi sono noci inglesi, che sono più facili da spezzare e più grandi delle noci nere. In alcuni punti, le noci nere possono essere acquistate nei negozi o in un negozio online affidabile.

La carne racchiusa nella noce nera è molto più piccola e più difficile da estrarre dal guscio rispetto alle altre noci. Per questo motivo, le noci nere vengono tritate. Uno dei motivi per cui le persone lascerebbero da solo la noce nera è che è letteralmente un duro da rompere. Oltre a usare uno scafo, le persone trovano altri modi per rompere il guscio, come un martello o una roccia. (13)

Una volta che le noci sono sbucciate, devono asciugarsi per alcune settimane prima di rompersi. Una regola empirica è quella di lasciarli finché non riesci a sentire il tintinnio delle noci quando lo scuoti.

Gli scafi prevalentemente verdi in noce nero sono più efficaci degli scafi di colore più scuro durante la raccolta o la lettura dell’etichetta del supplemento. Le noci nere possono essere assunte come estratto liquido di una pianta fresca, da una a 10 gocce, da una a tre volte al giorno in poca acqua. (15)

Fatti interessanti

Le noci nere hanno una lunga storia nell’uso di medicinali e sono una delle noci più versatili al mondo. Gli scafi vengono utilizzati per realizzare una tintura vegetale naturale, con sfumature di marrone scuro, marrone chiaro o crema. Il legno è molto attraente, pesante e duro, rendendolo il tipo di legno più semplice con cui lavorare.

L’uso principale per la noce nera oggi è per la casa per realizzare finiture interne, armadi, mobili e impiallacciature. Il noce nero era anche il legno preferito per le armi da fuoco, popolare tra gli armaioli in Pennsylvania che lo utilizzavano per i fucili lunghi. (16)

Puliti e lavorati, i gusci di noce nera sono stati usati come abrasivi nei materiali filtranti. I ricercatori della Columbia University hanno riferito che gli estratti dello scafo verde in noce nero sono in grado di paralizzare topi, pesci, conigli e ratti, che è attualmente illegale.

Un naturalista romano di nome Plinio il Vecchio scoprì il potere curativo delle noci nere nel primo secolo d.C. l’erborista Nicholas Culpeper prescrisse alla noce di estrarre veleno velenoso dai morsi di serpente e ragno nel 17 ° secolo.

I nativi americani usavano la corteccia, le foglie, la buccia e le noci degli alberi di noce nera in medicina, in particolare come repellente per le zanzare e per trattare le condizioni della pelle e i disturbi psicologici. Sono stati anche i primi a utilizzare gli scafi come lassativo naturale e per eliminare i parassiti nell’intestino, che è il più comunemente implementato oggi.

La noce nera continua ad essere un alimento funzionale versatile e popolare come lo era migliaia di anni fa. Queste noci sono un’aggiunta deliziosa e favorita in molte creazioni culinarie. Apri le noci, conserva la carne per cucinare e mangiare e schiaccia gli scafi in polvere per usarli. Puoi anche provare le noci nere nelle zuppe, cosparse di insalate e cotte in casseruola per provare un nuovo gusto in cucina.

Rischi ed effetti collaterali

Quando si tratta dell’applicazione topica per le condizioni della pelle, i potenziali effetti collaterali della noce nera sono pochi. A causa dell’azione astringente dei tannini, la noce nera provoca la disidratazione dello strato superiore della pelle e forma uno spesso strato di tessuto denso simile a un callo.

Per i pazienti con allergie alle noci, una reazione allergica alla noce nera può provocare eruzioni cutanee, prurito e pelle gonfia, orticaria, dolore toracico o problemi respiratori.

Quando si assumono farmaci, erbe o integratori, si consiglia di attendere almeno due ore dopo il consumo di noce nera perché potrebbe legarsi ad altri farmaci se assunti contemporaneamente. Si consiglia cautela nei pazienti che assumono farmaci per la misurazione della pressione sanguigna perché la noce nera può alterare il farmaco.

La noce nera può avere effetti additivi con antimicrobici e lassativi. Si consiglia inoltre cautela quando si assumono erbe, farmaci o integratori usati per nausea, problemi gastrointestinali, infiammazione, cancro, insieme a erbe, integratori e farmaci che danneggiano il rene o il fegato o erbe e integratori che contengono tannini.

La noce nera non è raccomandata per le donne in gravidanza o in allattamento o per lunghi periodi di tempo.

La buccia verde fresca può causare irritazione e vesciche se applicata sulla pelle in quantità eccessive. Preso internamente in grandi dosi, è un sedativo per il sistema di circolazione e il cuore. (17)

Pensieri finali

  • Le noci nere furono introdotte in Europa a metà del 1600 e ora sono coltivate in tutto il Nord America nelle piantagioni di alberi per il loro pregiato legno di colore scuro. Sono anche una prelibatezza popolare in Nord America ed Europa e possono essere trovati in tutto, dalle casseruole alla pasta e alle insalate.
  • La noce nera ha dimostrato di distruggere alcune cellule tumorali e di curare le coliche, regolare la digestione e migliorare l’immunità, la flatulenza e le condizioni respiratorie.
  • In particolare, questa erba ha dimostrato di battere la malaria, migliorare la salute cardiovascolare, sbarazzarsi dei parassiti, contenere capacità antimicrobiche e antifungine e trattare le condizioni della pelle.
  • La noce nera è disponibile in commercio nei negozi della salute e online come estratto liquido e in forma di capsule.
  • La noce nera dovrebbe essere presa solo sotto la supervisione di un operatore sanitario. Deve sempre essere assunto a piccole dosi secondo le istruzioni e non per un periodo di tempo prolungato.

Questo post è stato utile per te?

+0
Ultimi articoli

Ti potrebbe interessare

Menu