Oli e grassi

Monolaurina: il composto più vantaggioso nell’olio di cocco?

Conosci uno dei motivi principali per cui l’olio di cocco ha così tanti usi e benefici impressionanti? È grazie a un componente chiave chiamato monolaurina. Questo è anche uno dei motivi per cui il latte materno offre così tanti benefici di potenziamento immunitario ai bambini.

La monolaurina è un antivirale? Sì. Ecco perché è usato per prevenire e curare i problemi di salute virale, inclusi herpes, fuoco di Sant’Antonio, raffreddore e influenza. Nel complesso, è noto per essere un eccellente stimolante del sistema immunitario e può essere trovato in alcuni alimenti che potrebbero già godere regolarmente.

Che cos’è Monolaurin?

La monolaurina è un composto organico a base di acido laurico. La sua formula chimica è C15H30O4. Altri nomi includono glicerolo monolaurato, gliceril laurato o 1-lauroil-glicerolo.

In natura, l’acido laurico è un precursore della monolaurina, che è un agente antimicrobico ancora più potente dell’acido laurico. Quando il tuo corpo digerisce l’acido laurico, alcuni enzimi all’interno del tratto digestivo formano questo benefico monogliceride noto come monolaurina.

La monolaurina è un olio di cocco? No, ma si trova nell’olio di cocco e nel latte materno. Come un L’articolo scientifico del 2016 sottolinea:

L’olio di cocco è composto per circa il 90% da grassi saturi e per il 9% da grassi insaturi. Tuttavia, i grassi saturi in esso differiscono dai grassi saturi nei grassi animali. Oltre il 50 percento dei grassi nell’olio di cocco sono acidi grassi a catena media, come l’acido laurico (12: 0). L’olio di cocco è la più alta fonte naturale di acido laurico. L’acido laurico e la sua monolaurina derivata costituiscono circa il 50 percento dei lipidi derivati ​​dal grasso di cocco.

6 Vantaggi e usi di Monolaurin

Quali sono i benefici della monolaurina? I benefici della monolaurina possono offrire aiuto per molti problemi di salute comuni, tra cui:

1. Freddo e influenza

Secondo un articolo scientifico, intitolato “Una revisione della monolaurina e dell’acido laurico: agenti virucidi e battericidi naturali”, la capacità della monolaurina di uccidere i virus è stata segnalata dal 1966. In generale, è un potente antimicrobico. Ciò significa che è una sostanza che uccide i microrganismi o ne ferma la crescita.

UN documento di ricerca pubblicato nel 2011 nel diario Medicina alternativa e complementare basata sull’evidenza evidenzia la monolaurina come potenziale medicinale complementare e alternativo per l’influenza H1N1 (influenza suina). In generale, virus come l’influenza sono difficili da trattare e contenere perché si diffondono e mutano in modo estremamente rapido. Questo documento sottolinea il motivo specifico per cui la monolaurina può essere così utile per così tanti problemi di salute basati su virus, tra cui raffreddori e influenza. In realtà può rendere solubile l’involucro grasso di un organismo patogeno come un virus, disintegrando così la sua membrana esterna e infine uccidendo il virus e impedendone la replicazione.

Il motivo per cui spesso vedi l’olio di cocco raccomandato nell’influenza naturale e nei rimedi freddi è dovuto al suo contenuto di acido laurico e monolaurina. I virus causano raffreddori, quindi gli effetti antivirali possono essere in grado di aiutarti a prevenire e recuperare meglio da un raffreddore. Che tu abbia mal di gola a causa di un raffreddore o dell’influenza, puoi saltare quelle losanghe zuccherate, spesso aromatizzate artificialmente e colorate acquistate in negozio e ingerire una metà a un cucchiaino di olio di cocco fino a tre volte al giorno per alleviare un mal di gola o tossire e favorire la guarigione.

Si dice che Monolaurin inattivare altri virus in una certa misura, tra cui herpes simplex-1, HIV, morbillo, stomatite vescicolare, virus visna e citomegalovirus.

2. Herpes

Per i motivi di uccisione del virus sopra descritti, la monolaurina viene spesso utilizzata per il trattamento dell’herpes labiale causato da un ceppo del virus dell’herpes simplex.

Un semplice rimedio per l’herpes alla monolaurina è applicare l’olio di cocco nelle aree di interesse. In caso di herpes labiale, prova ad applicare l’olio di cocco più volte al giorno per ridurre i tempi di guarigione e il dolore. L’olio di cocco non solo può aiutare a eliminare il virus che causa l’herpes labiale, ma offre anche umidità che favorisce una migliore guarigione. Ciò significa che è meno probabile lo sviluppo di cicatrici o scolorimento lasciato nell’area della ferita.

Per l’herpes genitale, la Weston A. Price Foundation raccomanda di assumere un integratore di monolaurina. Sottolinea che una dose di un integratore standardizzato, come la lauricidina, equivale a prendere molti cucchiai di olio di cocco al giorno, e i risultati possono essere molto impressionanti per la soppressione delle epidemie di herpes e per combattere le infezioni da candida.

Secondo la fondazione:

È un estratto sicuro, che può essere preso a lungo termine. La dose abituale per sopprimere l’herpes è di circa 1/2 a 1 misurino, da una a tre volte al giorno. Dovrebbe essere ingerito, non masticato e sempre preso con del cibo. La dose deve essere aumentata lentamente come tollerata e misurata dalla sua efficacia.

3. Candida

Uno studio pubblicato nel 2016 ha dato un’occhiata agli effetti antifungini della monolaurina (nota anche come glicerolo monolaurato) su candida albicans biofilm. Le persone con sintomi di candida possono avere una crescita eccessiva di questo patogeno fungino nelle loro viscere, bocche, tratti genito-urinari e / o pelle. Questo studio in vitro dimostrato come il glicerolo monolaurato può inibire la crescita di funghi C. albicans.

4. Resistenza agli antibiotici

Poiché la resistenza agli antibiotici continua a rappresentare una grave minaccia per la salute in tutto il mondo, abbiamo sempre più bisogno di alternative naturali agli antibiotici. La cosa fantastica è che la monolaurina e l’acido laurico derivati ​​dall’olio di cocco dimostrano la capacità di farlo inattivare batteri patogeni pur non influenzando i probiotici benefici.

Uno studio in vitro pubblicato nel Journal of Drugs in Dermatology ha testato glicerolo monolaurato insieme a sei antibiotici comuni (penicillina, ossacillina, acido fusidico, mupirocina, eritromicina e vancomicina) contro diversi organismi noti per causare infezioni della pelle. Complessivamente, i ricercatori concludono che il glicerolo monolaurato ha “sensibilità ad ampio spettro in vitro statisticamente significativa contro isolati batterici Gram-positivi e Gram-negativi da infezioni cutanee superficiali”. Inoltre, la maggior parte dei batteri non ha mostrato resistenza.

5. Affaticamento cronico

La sindrome da stanchezza cronica è una malattia cronica che il sintomo principale è la stanchezza estrema che dura da oltre sei mesi. Senza trattamento, la sindrome da affaticamento cronico può ridurre la memoria, la concentrazione e la resistenza. Alcuni esperti credono che alcuni virus possono scatenare la sindrome, come il virus Epstein-Barr, l’herpes umano 6 e i virus della leucemia del topo. Data la sua capacità di attaccare una vasta gamma di virus, la monolaurina è stata utile in alcuni casi della sindrome da affaticamento cronico.

6. Staph Bacteria

La monolaurina è antibatterica? Sì, oltre ad essere antivirale, è anche antibatterico. Ha dimostrato la sua capacità di uccidere le infezioni che causano batteri come Staphylococcus aureus, che causa infezioni da stafilococco. Numerose studi in vitro e in vivo indicare la capacità del glicerolo monolaurato di agire sia come agente preventivo che terapeutico per combattere le infezioni da stafilococco. Nella sua forma pura, ha dimostrato di combattere i batteri stafilococco solo con gli oli di cocco non altrettanto efficace.

A causa delle sue capacità antibatteriche, l’industria alimentare a volte usa la monolaurina come conservante. La ricerca mostra che il glicerolo monolaurato può anche inibire l’attività di altre varietà dannose di batteri, come E. coli. (15)

Fonti alimentari di monolaurina

È possibile ottenere alcuni benefici della monolaurina consumando determinati alimenti, come i prodotti a base di cocco.

La monolaurina è un composto organico a base di acido laurico e può essere trovato in:

  • Latte materno umano
  • Olio di cocco, che è il seconda migliore fonte dopo il latte materno
  • Latte di cocco
  • Crema di cocco
  • Carne di cocco
  • Latte di mucca e capra (entrambi contengono piccole quantità di latte di capra contenente più acido laurico del latte di mucca)

Integratori e dosaggio di monolaurina

A cosa serve l’integratore di monolaurina? Se leggi recensioni di monolaurin, puoi vedere che le persone lo usano anche per vari problemi di salute, incluso l’herpes genitale. Ci sono benefici per la perdita di peso con monolaurina? Studi mostrano che il consumo a lungo termine di MCT (come quelli presenti nell’olio di cocco) può aumentare gli sforzi per perdere peso. Tuttavia, non ci sono studi clinici che coinvolgono specificamente l’assunzione di glicerolo monolaurato e benefici di perdita di peso fino ad oggi.

La lauricidina è un integratore che mescola l’acido laurico dell’olio di cocco con un glicerolo a base vegetale per creare un estere purificato di monolaurina. Puoi anche trovare la monolaurina come parte di integratori antivirali multi-ingrediente.

Attualmente, non ci sono raccomandazioni di dosaggio standard per questo supplemento. Seguire sempre attentamente le raccomandazioni sulla dose di monolaurina sulla confezione del prodotto. In genere, le raccomandazioni incoraggiano a iniziare con un dosaggio più piccolo e ad aumentare gradualmente nel tempo.

Parla con il tuo medico se non sei sicuro del dosaggio giusto per te.

Fatti interessanti

L’acido laurico è stato scoperto per la prima volta dai microbiologi mentre studiavano il latte materno degli esseri umani per capire quali sostanze antivirali contenessero fornire protezione ai bambini dalle infezioni microbiche.

Oltre alle preoccupazioni per la salute, a cosa serve la monolaurina? I produttori di alcuni prodotti alimentari, tra cui la margarina, il gelato e la pasta, lo usano, così come alcuni produttori di detergenti e cosmetici.

Il “proponente originale” e scopritore di monolaurina, diretto dal Dr. Jon J. Kabara molti degli studi iniziali negli anni ’60 e ’70 che rivelano la potente capacità antimicrobica di questo composto organico.

Precauzioni

È sicuro assumere monolaurina? È sicuro se consumato nelle quantità trovate negli alimenti. Tuttavia, non dovresti usare integratori di monolaurina o altri prodotti che lo contengono se hai un’allergia al cocco.

I ricercatori continuano a esaminare l’uso e la sicurezza dei medicinali, ma finora non ci sono effetti collaterali di monolaurina che si verificano comunemente.

Alcuni utenti potrebbero riscontrare effetti collaterali della monolaurina a breve termine derivante dall’effetto “estinzione” noto anche come reazione di Herxheimer. La reazione di Herxheimer si verifica quando batteri o lieviti si estinguono rapidamente e rilasciano tossine che possono provocare i seguenti sintomi temporanei: mal di testa, nausea, dolori muscolari, acne e / o eruzioni cutanee. Potresti essere in grado di evitare questi sintomi seguendo le istruzioni del supplemento che indicano l’inizio di dosaggi piccoli e aumentando gradualmente.

Parlate con il vostro medico prima di assumere integratori contenenti questo composto in caso di gravidanza, allattamento, patologie mediche o assunzione di farmaci.

Pensieri finali

  • Che cos’è la monolaurina? È una sostanza chimica che viene dall’acido laurico. Si trova naturalmente nel latte materno, nell’olio di cocco e in altri prodotti a base di cocco. Il latte di mucca e di capra contiene anche piccole quantità di latte di capra una fonte più ricca del latte di mucca.
  • Le sue impressionanti proprietà benefiche per la salute furono scoperte per la prima volta negli anni ’60 dal dott. Jon J. Kabara.
  • I potenziali benefici della monolaurina derivano dalle sue proprietà immunostimolanti, antivirali, antibatteriche e antifungine. Questi benefici includono la prevenzione e il trattamento di problemi di salute con radici virali, tra cui il raffreddore comune, l’influenza, l’herpes, la sindrome da affaticamento cronico e le infezioni batteriche, come l’infezione da stafilococco e le infezioni fungine.
  • È disponibile come supplemento online e nei negozi di salute. Viene anche utilizzato nella produzione di alimenti e cosmetici a causa delle sue proprietà antibatteriche.
  • Ulteriori studi clinici con soggetti umani dovrebbero avvenire in futuro per rivelare un maggior potenziale di questo composto organico come opzione di trattamento alternativa per molti problemi di salute comuni e gravi.

Questo post è stato utile per te?

+0
Ultimi articoli

Ti potrebbe interessare

Menu