Frutta

Che cos’è un tamarillo? I 5 migliori benefici del tamarillo per cuore, occhi e altro

Il frutto della passione incontra il pomodoro – o così questo frutto è stato descritto. Alcuni sostengono che è simile al pomodoro, mentre altri dicono che è più dolce, piccante e aspro. Spesso chiamati albero di pomodoro, sono tutti almeno parzialmente corretti quando si tratta del tamarillo.

Il tamarillo cresce a grappoli, simile al pomodoro, ma è più oblungo o a forma di uovo. Alcuni paragonano la sua forma a una piccola melanzana. A differenza del pomodoro o della melanzana, tuttavia, la pelle ha un sapore amaro che la maggior parte trova sgradevole. Pertanto, si consiglia di sbucciare la pelle prima di mangiare.

Il tamarillo è un’aggiunta meravigliosa a chutney, salse, insalate, panini e zuppe. Inoltre, torte, torte e persino gelati pretendono di usare la frutta come un modo per offrire un sapore delizioso a queste prelibatezze – ma che cos’è un tamarillo e cosa può fare per la tua salute? Risulta abbastanza, poiché questo frutto unico ha dimostrato di aiutare il cuore, gli occhi, il metabolismo e altro.

Che cos’è il Tamarillo? Benefici della frutta del tamarillo

  1. Aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache
  2. Regola la pressione sanguigna
  3. Supporta la salute degli occhi
  4. Può aiutarti a vivere più a lungo
  5. Aumenta il metabolismo

1. Aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache

Come mostrano le ricerche di laboratorio su Malesia, il tamarillo contiene “contiene buone proporzioni di fibre solubili, proteine, amido, antociani e carotenoidi”. (1) Gli antociani e carotenoidi in particolare sono particolarmente utili per la salute del cuore.

Ad esempio, i carotenoidi possono aiutare a ridurre malattia coronarica rischio “abbassando la pressione sanguigna, riduzione delle citochine pro-infiammatorie e marcatori di infiammazione (come la proteina C reattiva) e miglioramento della sensibilità all’insulina nei muscoli, nel fegato e nei tessuti adiposi”. (2)

Inoltre, studi epidemiologici hanno collegato il consumo di alimenti con antociani e un minor rischio di marcatori di malattie cardiovascolari. Prendiamo, ad esempio, le ricerche pubblicate nel Journal of Nutrition che ha scoperto che i consumi alimentari ricchi di antociani hanno mostrato la capacità di proteggere il cuore nei ratti. (3, 4)

2. Regola la pressione sanguigna

Varietà della pianta di tamarillo sono state studiate dai ricercatori dell’Università svedese di scienze agrarie. I ricercatori del Dipartimento di Scienze Alimentari dell’università hanno scoperto che i tamarilli ne contengono un bel po ‘ potassio, fino a circa 400 milligrammi per 100 grammi di peso fresco. (5)

Poiché la Food and Drug Administration raccomanda di avere 4.700 milligrammi di potassio al giorno attraverso frutta e verdura fresca, il tamarillo si rivela benefico a questo proposito. Si suggerisce che una dieta ricca di frutta e verdura colorate possa aiutare tagliare la pressione arteriosa sistolica di oltre 10 punti in coloro che si occupano di problemi di pressione alta. (6)

3. Supporta la salute degli occhi

Poiché il tamarillo contiene vitamina A, può aiutare a dare a quegli occhi la possibilità di vedere più chiaramente. Vitamina A è importante per una buona visione, un forte sistema immunitario e un’importante crescita e sviluppo cellulare. È la forma beta-carotene di vitamina A in particolare che proviene da piante, come il tamarillo. Beta carotene, o vitamina A, è un antiossidante. Attraverso il consumo di questo utile antiossidante, al corpo può essere dato un impulso per aiutare ad acquisire e mantenere una buona salute. (7)

Ad esempio, il beta-carotene ha dimostrato di combattere la degenerazione maculare legata all’età, mentre la carenza di vitamina A è collegata a problemi agli occhi. (8, 9)

4. Può aiutarti a vivere più a lungo

Tamarillo contiene un bel po ‘di vitamina C e i consumi di vitamina C vengono studiati come un percorso per la longevità. (10)

Uno studio dal Canada è stato condotto in un laboratorio sui vermi. Più specificamente, lo studio si è concentrato sulla sindrome di Werner, che è una malattia piuttosto rara che provoca l’insorgenza prematura di molte malattie legate all’età. Lo studio ha rilevato che la longevità era aumentata in quei soggetti a cui era stata somministrata vitamina C. (11)

Inoltre, è stato dimostrato che la vitamina C aumenta la durata della vita dei topi e recensioni di 14 studi su diversi organismi, tra cui vermi, mosche e roditori, hanno scoperto che la vitamina C sembra avere un effetto sulla durata della vita, sebbene i risultati siano variati in modo selvaggio. (12, 13)

5. Aumenta il metabolismo

Contiene dal 19% al 21% circa dell’indennità giornaliera raccomandata di vitamina B6, il tamarillo può offrire aiuto nel metabolismo dei nutrienti. La vitamina B6 fa parte del gruppo di vitamine del complesso B e, sebbene da sola non fornirà tonnellate di energia, come parte del gruppo del complesso B, aiuta a convertire le calorie in energia utile attraverso i carboidrati e le proteine.

La vitamina B6 svolge un ruolo nella produzione di energia perché è necessaria per aiutare con il processo del metabolismo dell’emoglobina – trasportare ossigeno attraverso il sangue. Inoltre, quando l’apporto calorico è basso, la vitamina B6 raggiunge i carboidrati immagazzinati per produrre energia e proteine. (14)

Ricerca pubblicata nel Journal of Obesity esaminato gli effetti del tamarillo (Cyphomandra betacea) estratto su ratti obesi alimentati con una dieta ricca di grassi. Cosa hanno trovato? (15)

Nel complesso, il trattamento di ratti indotti obesi con estratto di C. betacea ha mostrato il suo potenziale nel mantenimento del peso e nell’effetto di riduzione dei lipidi positivo e ha dimostrato un aumento dell’attività antiossidante di SOD, GPx e TAS e ha mostrato effetti anti-infiammatori come mostrato nei decrementi dell’infiammazione biomarcatori. Pertanto, il consumo di C. betacea nell’assunzione dietetica giornaliera è un’azione a un passo verso la prevenzione dell’obesità e del principio di gestione del peso.

Grazie ai suoi effetti sul metabolismo, il tarmallio può aiutare combattere l’obesità.

Tamarillo Fruit Nutrition

Per 100 grammi, il tamarillo contiene circa: (16, 17)

  • 30 calorie
  • 8,25 grammi di carboidrati
  • 1,03 grammi di proteine
  • 1,03 grammi di grasso
  • 1 grammo di fibra
  • 1.637 unità internazionali di vitamina A (oltre il 100 percento DV)
  • 29,5 milligrammi di vitamina C (50% DV)
  • 2,09 milligrammi di vitamina E (14 percento di DV)
  • 0,8 milligrammi di ferro (8 percento DV)
  • 321 milligrammi di potassio (7 percento DV)
  • 10 milligrammi di calcio (1 percento di DV)

Tamarillo contiene anche folati, niacina, tiamina, rame, magnesio, manganese, fosforo, selenio e zinco.

Tamarillo vs. Tomato

Il tamarillo è meglio descritto come un frutto a stelo lungo e penzolante. Può essere trovato individualmente sulla pianta, che alcuni chiamano alberi, o in gruppi da tre a 12. È un frutto liscio a forma di uovo che è appuntito ad entrambe le estremità, mentre il pomodoro è generalmente più rotondo. Può essere lungo da due a quattro pollici e largo circa 1,5 a due pollici. Il pomodoro, tuttavia, può avere un diametro maggiore, a seconda della varietà.

Il tamarillo in realtà ha preso il nome per aiutare a differenziarlo dal pomodoro poiché è in qualche modo simile. È disponibile in alcuni colori da un viola intenso intenso, rosso sangue, arancione e giallo o rosso e giallo, così come il pomodoro. Alcuni tamarilli sono noti per avere anche strisce longitudinali scure, scure.

Riesci a mangiare la pelle del tamarillo? A differenza del pomodoro, la buccia è un po ‘dura e non molto saporita, ma la polpa che circonda il seme è di solito morbida, succosa e dolce e / o aspra, con le varietà gialle un po’ più dolci. I semi sono commestibili e sottili, quasi piatti e rotondi. Sono più grandi e più duri dei semi di un pomodoro.

Usi Tamarillo + Ricette Tamarillo

Secondo la Nuova Zelanda Tamarillo Growers Association, il modo migliore per consumare il tamarillo è mangiarlo crudo. Tagliare a metà, come una sezione trasversale, condire con un po ‘di miele, quindi estrarre la carne con un cucchiaio, un po’ simile a come si potrebbe mangiare un kiwi. Suggerisce anche di evitare la pelle poiché non ha un sapore così eccezionale.

Se vuoi cucinare con i tamarilli, sbuccia prima la pelle. Puoi farlo con un coltello da cucina o farli bollire per un minuto per allentare la pelle in modo da poterlo rimuovere facilmente. Puoi anche semplicemente metterli in una ciotola resistente al calore e mettere sopra acqua bollente, coprendoli completamente. Lasciarli riposare per 3-4 minuti, quindi raffreddarli con acqua fredda. Fai un piccolo taglio con un coltello da cucina e la pelle dovrebbe scivolare via con facilità.

Un’altra opzione è quella di tagliare a fette un tamarillo crudo (rimuovere prima la buccia), quindi servire le fette con formaggio di capra o aggiungere a un’insalata. Il tamarillo è un ottimo ingrediente per la salsa o lo usa come ingrediente in un delizioso chutney. Il tamarillo tritato è buono in un frullato di frutta con un po ‘di miele, banana e yogurt. Anche i prodotti da forno, come muffin e dessert, sono ottime opzioni.

Vuoi provare alcune ricette di tamarillo? Dai un’occhiata a questo per iniziare:

Chutney di curry, zenzero, mela verde e tamarillo.

Produce: circa 2 tazze

INGREDIENTI:

  • 2 tazze di tamarillo tritato e sbucciato
  • ½ tazza di mele verdi, sbucciate e tritate molto piccole (spremere un po ‘di succo di limone per evitare la doratura)
  • 3 spicchi d’aglio, schiacciati
  • ½ tazza di cipolla dolce media
  • Pizzica o due di curry
  • 2 1/4 cucchiai di radice di zenzero grattugiata
  • 1 cucchiaio di chiodi di garofano interi
  • 1 cucchiaino di pepe nero
  • 1 cucchiaino di peperoncino in polvere
  • 1/4 cucchiaino di sale marino fine

1/2 tazza di miele

* Suggerimento: per prima sbucciare i tamarilli, metterli in una ciotola, quindi coprire con acqua bollente. Lasciare riposare per circa 3-4 minuti. Freddo. Quindi sbucciare.

INDICAZIONI:

  1. Metti i tamarilli tritati in una casseruola.
  2. Aggiungi le cipolle, le mele, l’aglio, il curry e lo zenzero.
  3. Quindi aggiungi i chiodi di garofano e il pepe in grani e aggiungi la polvere di peperoncino, il sale e il miele.
  4. Portare a ebollizione, mescolando fino a quando il tutto è ben miscelato.
  5. Riduci il fuoco e fai sobbollire per circa un’ora o fino a quando non diventa denso come una marmellata.
  6. Una volta freddo, imballalo in barattoli puliti e sigilla.
  7. Goditi il ​​pesce, il pollo o come condimento per il tacchino arrosto. Puoi aggiungerlo al riso basmati come contorno o anche come spalmabile su lievito madre fresco e tostato.

Storia

Originario delle Ande dell’Ecuador, della Colombia, del Perù, del Cile e della Bolivia, il tamarillo è ancora coltivato in giardini e piccoli frutteti di queste aree, rendendolo uno dei frutti più popolari. Il tamarillo è un frutto a forma di uovo che proviene da una pianta. La pianta è in realtà un albero a crescita rapida che in genere ha un’altezza di circa cinque metri e produce frutti lunghi dai 4 ai 10 centimetri. È sapido, dolce e talvolta aspro e migliore se mangiato senza la pelle.

Il tamarillo è stato chiamato il pomodoro dell’albero, ma il nome tamarillo è stato dato a questa pianta dalla Nuova Zelanda per aiutare a prevenire la confusione tra il tamarillo e il pomodoro. Geograficamente, ha avuto origine nelle Ande e non è mai stato trovato allo stato brado, ma piuttosto è stato trattato più come una pianta da giardino. Fu introdotto in Nuova Zelanda nel 1800; tuttavia, nella seconda guerra mondiale divenne più importante poiché vi fu una carenza di frutta. Fu allora che il tamarillo divenne una coltura commerciale.

Il tamarillo è un parente della patata, del pomodoro, melanzana e peperoncino. È stato elencato tra i “cibi perduti degli Incas e noto come il” tomate de arbol “scomparso dal loro habitat nativo.” In origine, il frutto veniva trovato come varietà a frutto giallo e viola, ma il tamarillo rosso fu sviluppato negli anni ’20 da un uomo di Auckland che lavorava in un vivaio. (18)

Fu solo nel 1967 che il nome cambiò da pomodoro dell’albero a tamarillo per aiutare a eliminare la confusione con il comune pomodoro da giardino. Un membro del New Zealand Tree Tomato Promotions Council ha combinato una parola Maori e una parola spagnola per creare il nuovo nome. “Tama” implica la leadership in Maori, ma l’ispirazione per “rillo” non è chiara, anche se alcuni pensano che “amarillo”, che è la parola spagnola per giallo, ha lasciato il posto al nome.

Oggi, la domanda di tamarillo rimane forte e il clima pulito e verde della Nuova Zelanda offre condizioni di crescita sorprendenti. Il frutto viene coltivato su scala commerciale in Colombia, Ecuador, alcune parti dell’Australia, della California, dell’Africa e dell’Asia. (19)

Precauzioni

Non ci sono molti casi segnalati di allergia al tamarillo, ma è stato condotto uno studio per cercare di determinare se esistono problemi. Un partecipante ha avuto un caso di orticaria circa 12-24 ore dopo aver consumato tamarillos, ma questo è tutto ciò che è stato trovato. (20) Come tutti gli alimenti, se sospetti di avere una reazione negativa, cerca immediatamente un aiuto medico professionale.

Pensieri finali

Il tamarillo può essere una deliziosa aggiunta a molti piatti, offrendo allo stesso tempo numerosi benefici nel ridurre il rischio di malattie cardiache, offrendo benefici alla vista, aiutando il metabolismo a funzionare correttamente e i benefici della vitamina C sulla longevità. Prova a incorporare il tamarillo come nuovo sapore per i tuoi piatti preferiti.

Questo post è stato utile per te?

+0
Ultimi articoli

Ti potrebbe interessare

Menu