Top

PiYo di Chalene Johnson – recensione e prime impressioni

Da diversi mesi ormai sentivo l’esigenza di migliorare la mia flessibilità e l’equilibrio. Terminata finalmente la BBG – Bikini Body Guide di Kayla Itsines, mi sono decisa a provare PiYo di Chalene Johnson.

Dirvi che Chalene è una personal trainer è davvero riduttivo: nella sua vita ha veramente fatto di tutto, sempre ottenendo enormi successi. E’ una coach con la C maiuscola, poiché il suo lavoro principale è proprio quello di motivare e aiutare a crescere le persone che le chiedono un aiuto, in qualsiasi ambito – personale, lavorativo, sportivo ecc. Grazie alle sue qualità si è creata un ‘piccolo’ impero milionario.

Tra i suoi DVD di fitness il più famoso è senz’altro Turbofire, che ho seguito in passato con buoni risultati.
Con PiYo, Chalene sembra aver colpito nel segno un’altra volta. Per chi frequenta i vari gruppi di fitness-at-home ne avrà spesso sentito parlare, difficilmente in maniera negativa.

Ma di cosa si tratta?

E’ un programma di allenamento in DVD, da eseguire a casa. Viene prodotto e venduto dalla BEACHBODY. Il prezzo è di circa 60$ (per ora unico tasto dolente riscontrato). I video sono in lingua inglese.

Il nome deriva dall’unione di Pilates + Yoga, che sono le due discipline su cui si basa PiYo. Sono esercizi a corpo libero, che non richiedono quindi l’utilizzo pesi, e senza salti. A differenza però di sessioni con pose unicamente statiche, come può capitare in alcune pratiche yoga e nel pilates, viene introdotta la dinamicità tipica degli allenamenti fitness, così da apportare dei miglioramenti non solo a livello di flessibilità e resistenza, ma anche cardiovascolari.

L’obiettivo principale del programma è lavorare sodo e tonificare tutto il corpo.

why-what-athletes

Anche se la pubblicità ufficiale afferma che PiYo è adatto a tutti consiglio questo allenamento per chi non è proprio alla sua prima esperienza e a chi non ha chili da perdere – per questo ci sono allenamenti ben più mirati. Di sicuro non sono necessarie esperienze pregresse di Yoga o Pilates.

La durata totale dell’allenamento è di 60 giorni, e sono previsti 6 giorni a settimana di workout, della durata media di 30minuti.

Gli allenamenti sono:

  • Align: the Fundamentals: introduce gli esercizi in slow motion, per permettere la corretta esecuzione durante gli altri workout. E’ il dvd introduttivo.
  • Define Upper Body: allenamento incentrato sulle braccia, le spalle e gli addominali.
  • Define Lower Body: allenamento incentrato sulla parte inferiore del corpo.
  • Sweat: workout basato su posizioni tradizionali di yoga ed esercizi di resistenza con l’obiettivo di migliorare sia la forza che l’apparato cardiovascolare.
  • Core: allenamento incentrato sugli addominali.
  • Strength intervals: allenamento incentrato su forza e cardio.
  • Drench: workout incentrato sul miglioramento della propria resistenza.
  • Sculpt: allenamento finalizzato a ‘scolpire’ i muscoli con esercizi mirati.
  • Buns: allenamento incentrato su glutei e gambe.

Da seguire secondo un calendario predefinito.

Prime impressioni

Sono attualmente a metà percorso e ho avuto modo di eseguire tutti i video, eccetto Sculpt.

Le mie prime impressioni sono positive. Partivo molto scettica: non sono né un’amante dello yoga, né del pilates, ma apprezzo i livelli di flessibilità e coordinazione di chi li pratica. PiYo sembra produrre i risultati sperati, senza annoiarmi con pose lunghe e statiche. Gli amanti di queste due discipline probabilmente storceranno il naso, e credo proprio di non sbagliarmi affermando che questo è un allenamento per chi non ama particolarmente lo yoga o il pilates, o semplicemente li trova troppo difficili, ma vuole comunque cimentarsi in qualcosa che migliori tonicità e flessibilità.

Ho tracciato i miei allenamenti tramite Fitbit Charge HR e il dispendio calorico è contenuto. Questo non è sicuramente indice di allenamenti facili (anzi), ma sottolinea il fatto che non è un programma adatto a chi cerca sessioni cardio o con un alto consumo calorico. L’unico DVD che mantiene una componente prettamente cardio è Strength Intervals. Drench si aggiudica il miglior numero di calorie bruciate, complice però la durata del video, che è il più lungo del programma.

piyo

PiYo per ora mantiene le promesse: la mia flessibilità e la coordinazione sono decisamente migliorati, e dopo quattro settimane la “prova specchio” dimostra una tonicità mai riscontrata negli allenamenti precedenti.

Volete sapere quali saranno i risultati finali? Avere maggiori dettagli sui singoli allenamenti? Non vi resta che attendere 🙂 Appena terminato PiYo vi renderò partecipi dei risultati ottenuti e delle mie impressioni finali!

SabrinaF

Dal 2013 ha sviluppato un forte interesse per il mondo del fitness e trae il massimo dei benefici dagli allenamenti casalinghi. La tecnologia le permette di affrontare sempre nuove sfide, ma anche di monitorare i suoi progressi.Il suo motto: “Perché le cose o si fanno bene, o non si fanno” ;)

Vai alla barra degli strumenti