Top

Il mio primo parkrun!

Finalmente sono riuscito a correre il mio primo parkrun (si, si scrive proprio così, tutto minuscolo).

Cosa sono i parkrun? Sono degli allenamenti cronometrati gratuiti di 5 Km che si svolgono contemporaneamente in tutto il mondo il sabato mattina alle ore 9:00.

Il luogo dove si svolgono questi allenamenti sono sempre i parchi, spesso cittadini. L’obiettivo è quello di migliorare la propria salute riscoprendo i parchi come luogo dove correre insieme agli altri, senza fare sforzi eccessivi (5 Km sono fattibili un po’ per tutti) e lottando solo contro se stessi (migliorando i propri tempi di percorrenza dei 5 Km di parkrun).

L’idea di organizzare dei parkrun nasce nel 2004 in Inghilterra ad opera di Paul Sinton Hewitt e subito si diffonde rapidamente in tutto il mondo anglosassone e adesso conta 14 nazioni diverse.
In Italia parkrun è arrivato nel 2015 grazie all’intraprendenza di Giorgio Cambiano al quale ben presto si affianca l’amico Aldo Siragusa.

Sabato scorso sono finalmente riuscito a partecipare al “Marecchia parkrun” di Rimini.
C’era tutto:
– un bel parco
– i cartelli segnaletici lungo il percorso
– Aldo che gestiva in modo impeccabile la combriccola di 18 parkrunner che erano pronti a sfidare se stessi per migliorare i propri tempi
– i parkrunner che portavano i propri prodotti per rinfrescare tutti dopo la corsa: chi le more di gelso (dolcissime), chi delle torte fatte in casa, chi dei succhi di frutta. Come tra amici.
Sabato scorso però c’era anche la torta “ufficiale” e lo spumante perché proprio il 3 giugno 2017 cadeva il primo anniversario del “Marecchia parkrun” e quindi per festeggiare ci siamo abbuffati dopo la corsa!

ll parkrun di Marecchia consiste in 3 giri del parco, così da raggiungere i 5 Km previsti. C’è chi parte a razzo, chi vuole solo arrivare in fondo, chi invece vuole migliorare un po’ i propri tempi. Come in tutte le corse.
La parte iniziale del percorso è in ombra mentre la parte centrale è sotto il sole e pur essendo le 9:00 del mattino il caldo si fa sentire. C’è chi corre a torso nudo, chi sbuffa sudando nella propria maglietta, chi invece è fresco come una rosa. Ma alla fine tutti riescono ad arrivare in fondo e fino a che non arriva l’ultimo parkrunner non si tocca niente del cibo portato. Tra amici si fa così.

Direi che il bello della formula parkrunner è che riesce a coniugare contemporaneamente alcune caratteristiche:
– corsa nella natura
– gratuità e volontariato
– competizione solo contro se stessi
– percorso breve che può essere completato da tutti
– contemporaneità dei parkrun a livello mondiale, tutte le settimane
– corsa sempre nello stesso luogo ed ora che aiutano a creare un gruppo affiatato e solidale

Ogni corsa effettuata viene registrata in un software al quale si può accedere con le proprie credenziali parkrunner dove si potrà vedere i propri progressi online.

Per partecipare è sufficiente registrarsi solo una volta sul sito di parkrun e portare sempre con se’ il proprio codice a barre che consente di essere identificato in ognuno degli oltre 12.000 parchi dei 14 paesi del mondo che sono sedi di eventi parkrun.

Al termine della corsa si riceve anche un’email dove si ha il riepilogo di quanto avvenuto nell’ultimo parkrun al quale si è preso parte. L’idea è molto piacevole e aiuta a sentirsi collegati e inseriti in un contesto più ampio come appunto quello dei parkrun che si svolgono in tutto il mondo.

Al momento i parkrun vengono effettuati solo a Palermo, Rimini, Treviso e Milano ma altre città si stanno muovendo per ospitarne uno.

Trattandosi di una manifestazione completamente gratuita dove è necessaria la disponibilità di qualche volontario con una certa continuità questo può generare qualche lentezza ma probabilmente entro la fine dell’anno anche Roma dovrebbe avere il suo parkrun e a Firenze sto provando anche io in prima persona a promuovere l’iniziativa presso il parco delle Cascine. Chissà che a settembre non riusciamo a partire…

Per chi vuole approfondire ecco il sito di parkrun Italia http://www.parkrun.it.

Buon parkrun a tutti!

Lorenzo Lombardo

Appassionato di tecnologia e professionista del marketing e della comunicazione ha provato molti sport, cimentandosi a livello agonistico anche in sport cosiddetti “minori” come il lancio del martello e il ping-pong. Vuole aiutare chiunque a raggiungere il proprio piccolo/grande obiettivo legato alla corsa, sia scrivendo di questo argomento sia correndo fianco a fianco, diventando un pacer. Nel corso del 2017 è diventato responsabile di Firenze parkrun, iniziativa podistica gratuita presente in tutto il mondo e dal 2015 anche in Italia. Gli piace considerare il suo motto un vecchio proverbio africano: “se vuoi andare veloce cammina da solo, se vuoi andare lontano cammina insieme agli altri”.

Vai alla barra degli strumenti