Top

La danza. Sport o arte?

Avendo praticato per molti anni la danza, conosco bene l’eterno dibattito tra chi dice che la danza è sia sport che arte, e chi invece la dissocia completamente dallo sport esaltandone la parte artistica che possiamo vedere nei teatri.

 

La danza, è una disciplina vecchissima e vastissima, ha da sempre avuto un ruolo figurativo e di spettacolo, ma anche un ruolo rituale e di aggregazione in certe popolazioni.

2506719232-contemporary-dance-image-auditions-for-prospective-contempo

Ne esistono numerose forme e generi, ad esempio:

  • la danza classica, la più conosciuta e ammirata,  è nata in francia quando il Re Luigi 14° decise di fondare l’accademia reale di danza. In questo contesto sono state definite le basi della danza classica come le cinque posizioni di base e i vari passi (ecco perché son tutti in francese!)
  • la danza moderna, sviluppatasi all’inizio del secolo scorso. Ha avuto numerosi e famosi esponenti che hanno contribuito a renderla ciò che è oggi, come Isadora Duncan, Martha Graham, …
  • danza contemporanea,
  • danza jazz
  • hip hop

Potremmo continuare questo elenco con tanti altri generi e stili diversi, come le danze etniche delle tribù, la danza del ventre, il latino americano e chi più ne ha più ne metta! Insomma si tratta di un argomento super interessante e molto molto vasto 🙂 ma per non dilungarci passiamo al nocciolo di questo articolo.

Tornando alla nostra domanda iniziale, già ai più piccolini, alle lezioni di danza, si insegna a sorridere sempre mentre si balla (ricordo la mia maestra che ci riprendeva sempre se facevamo le musone!) e soprattutto durante gli spettacoli bisogna essere molto espressivi senza far scoprire agli spettatori che in realtà certi movimenti comportano molta fatica! Per questo motivo molte persone pensano che ballando ci si diverta senza fare molti sforzi.

In realtà pur conservando questa leggiadria, i ballerini professionisti passano le giornate ad allenarsi molto faticosamente per raggiunge la perfezione che vediamo loro esprimere nei teatri. Le étoiles più famose infatti spesso sono seguite anche da massaggiatori, medici  e via dicendo, come gli atleti, i calciatori o qualsiasi altro sportivo professionista!

Inoltre, guardando la muscolatura super definita di ballerini e ballerine si può capire quanto sforzo e allenamento ci sia dietro a quei momenti perfetti e sinuosi.

Ci sono moltissimi motivi per cui non si dovrebbe definire la danza come uno sport, ma ci sono anche motivi per cui la danza corrisponde a una disciplina sportiva.

f036c5dfdc654e010c49124aad2af3dd

Carla Fracci in Giselle

Ad esempio la passione, l’amore,  l’armonia che un ballerino instilla nei suoi passi sono molto lontani da certi sport basati su milioni di soldi, doping e (brutte) cose simili. Poche hanno la grande possibilità di diventare famosissime étoiles come Carla Fracci o primi ballerini come Bolle, ma pur non diventando super famosi portano sempre avanti questa grande passione.

D’altro canto la danza può essere considerata uno sport dal punto di vista dei sacrifici, dell’obbiettivo che ci si pone, degli sforzi, degli allenamenti e di tanti altri fattori che accomunano tutti gli sport!

Tuttavia mi sento di dire, come tanta altra gente che ha praticato la danza, che è molto di più di uno sport, anche se gli allenamenti e gli sforzi fisici sono paragonabili a quelli di uno sportivo d’élite.

Veronica
Vai alla barra degli strumenti