Top

[guida] come aumentare la batteria del Blaze

Con delle funzionalità semi-smartwatch, il Fitbit Blaze promette una durata della batteria (carica a pieno) di fino a 5 giorni. Qualora però voleste estendere ulteriormente questo numero, ecco qualche suggerimento per aumentare la durata della batteria del vostro Blaze:

  • Innanzitutto, come primissima regola per mantenere la batteria in salute, una volta che mettete il vostro Blaze in carica ricordate di lasciar finire il ciclo di ricarica (circa un paio d’ore). Non ricaricatelo a caso e fate finire anche i cicli di scarica della batteria!
  • Non sincronizziamo compulsivamente il Blaze: una delle regole d’oro per far durare più a lungo la batteria del Blaze è quella di non sincronizzarlo enne mila volte al giorno con l’app. Sì, lo so, è divertente scavalcare i propri amici in classifica, però così facendo rischiate di dover perdere un paio d’ore di passi perché il vostro Fitbit sarà sempre in carica 😉
  • Non tenere il Blaze collegato al telefono tutto il giorno: sebbene la tecnologia sfruttata dal Blaze sia il Bluetooth 4.0, mantenere il vostro Fitbit collegato allo smartphone tutto il giorno ne diminuirà notevolmente la batteria. Di conseguenza, non riceverete neanche le notifiche di sms, chiamate e calendario, risparmiando ulteriormente batteria
  • Disattivare l’opzione “Sincro tutto il giorno”: questa opzione fondamentalmente serve a chi lascia in background l’app Fitbit. Ma ci serve davvero? Specialmente per i modelli con lo schermo, se vogliamo controllare i nostri dati (tranne giusto l’andamento del battito cardiaco e il sonno) ci basterà guardarli direttamente dal braccialetto. Se poi volete aggiornare continuamente la posizione in classifica, beh questo è un altro paio di maniche 😉

Foto 18-06-16, 07 51 08

  • Occhio al numero di sveglie: ovviamente più sveglie silenziose avrete impostato durante la giornata, più il vostro Fitbit si scaricherà in fretta a forza di vibrare. Le sveglie preimpostate possono essere disattivate sia dall’app che dal Blaze: scorrete fino alla sezione “Sveglia” e semplicemente selezionate quelle che non vi interessano.

Foto 18-06-16, 08 22 17

  • Notifiche sms, chiamata e calendario: come dicevamo sopra, queste notifiche funzionano tramite connessione costante del Fitbit al vostro smartphone. Possono essere disabilitate sia dall’app che direttamente dal Blaze: scorrete dal basso verso l’alto nella schermata principale e troverete l’opzione per riattivarle e disattivarle sul momento.

Foto 18-06-16, 08 19 39

  • Opzione “Vista rapida”: quest’opzione fa sì che lo schermo del Blaze si attivi quando ruotiamo il polso verso il nostro viso. Come per le sveglie e per le notifiche, quest’opzione può essere disattivata sia da app che da Blaze. Io personalmente la trovo molto utile, quindi la lascio sempre accesa. Insomma me lo dovrò pur godere un po’ questo smart fitness watch 😉
  • Monitoraggio cardiaco su “Auto”: ovviamente per estendere ulteriormente la durata della batteria del Blaze è possibile disattivare del tutto il monitoraggio cardiaco, ma acquistare un tracker che offre quest’opzione per poi non usarla mi pare un tantino controproducente… Ad ogni modo, impostando il monitoraggio cardiaco su “Auto” il Blaze smetterà di “cercare” il battito quando lo togliamo, ricominciando invece quando rileva del movimento.

Foto 18-06-16, 07 50 51

  • Luminosità: questa opzione può essere regolata direttamente da Blaze nella sezione “Impostazioni”. Ci sono quattro possibilità: automatica, bassa, normale, massima. Io la tengo su “automatica”, in modo che si regoli automaticamente a seconda della luce ambientale, ma mettendola su “bassa” sarà possibile risparmiare una minima percentuale di batteria. Altro discorso se il passaggio avviene da “massima” ad “alta”!

Foto 18-06-16, 08 19 52

  • Bluetooth Classico: quest’opzione serve per il controllo della musica direttamente da Blaze. Va acceso per la prima volta per fare il pairing con lo smartphone, ma dopo che avrete effettuato questo passaggio può essere tranquillamente disattivato!

Speriamo che questi consigli vi siano stati utili, fateci sapere nei commenti come vi regolate voi o se avete qualche suggerimento! 🙂

Shally

Sabrina, detta Shally, studentessa fuorisede e aspirante interprete. Dopo il primo fitness tracker nel 2013 cambia stile di vita, interessandosi al mondo del fitness. Runner per caso, patita di sushi, avida lettrice sempre alla ricerca di qualcosa da imparare!

Vai alla barra degli strumenti