Top

#cambiaconlarapa SFIDA 6: Il cronometro

Ciao!

Come è andata questa settimana di pianificazioni? Questa volta mi piacerebbe approfondire il fattore tempo, e la sua gestione.

Pianificare le proprie giornate è un ottimo modo per prendere coscienza del tempo, e dare una priorità a quelle attività che si vuole assolutamente concludere prima del termine della giornata. Spesso è il primo modo con cui si scopre che tutto sommato tempo ne abbiamo..ma lo sprechiamo in attività inutili, come ad esempio sfogliare compulsivamente qualche social network (beccati!).

L’obiettivo di questa settimana è ritagliarsi ogni giorno un’ora solamente per se stessi. Se avete seguito le sfide precedenti non dovrebbe essere una cosa molto difficile 🙂 Unisce quello imparato con la sfida 4 e 5. Siamo ormai agli sgoccioli con il termine del progetto #cambiaconlarapa, e i consigli base per poter avere un miglior benessere psicofisico li ho quasi finiti! 😀

Negli ultimi anni l’hanno chiamata in tutti modi, ma in italiano questo momento dedicato a se stessi viene definito spesso “ora sacra“.
Secondo l’esperto di leadership Robin Sharma, quest’ora dovrebbe coincidere con la prima della giornata ed essere così suddivisa:

  • 20 minuti di esercizio fisico: come al solito, qualsiasi. Appena sveglia trovo che yoga, pilates o stretching siano le soluzioni migliori. Ma nulla vi toglie di andare a fare una bella corsetta!
  • 20 minuti di attività legate al proprio obiettivo fitness: può essere un allenamento più serio del precedente, o un diario alimentare o addirittura potrebbe comprendere cucinare il pasto senza distrazioni, pensando a ognuno degli alimenti utilizzati e alle loro proprietà.
  • 20 minuti di studio relativo al proprio obiettivo o, più in generale, a qualche propria passione. Spazio alla fantasia e agli strumenti utilizzati. La cosa importante è che sia però deep work, niente distrazioni!

holy hour

Se volete maggiori dettagli su questa “teoria” trovate un video di Sharma qui. Prima però che scappiate pensando che questo non sia altro che un articolo in cui cito guru, o presunti tali, di crescita personale, vorrei farvi in realtà riflettere sull’importanza di seguire una metodologia strutturata di questo tipo:

  • Lavorare su lassi temporali brevi, come appunto 20minuti, rende qualsiasi allenamento, e più in generale obiettivo, facilmente raggiungibile per chiunque.
  • Dedicare 20minuti di approfondimento su argomenti di vostro interesse ha un effetto sorprendentemente piacevole per la psiche. Quante volte ci si lamenta di non aver abbastanza tempo per portare avanti un hobby? E’ arrivato il momento giusto per farlo! Il senso di appagamento crescerà con il passare dei giorni, oltre che le vostre conoscenze!
  • Rimanere infine focalizzati sui propri obiettivi (ancora una volta, che siano legati al fitness o meno) tutti i giorni porterà a risultati migliori e più rapidi, rispetto a farlo una tantum.

Sul quando fare questa ora sacra io, sinceramente, non me la sento di dirvi tutte le mattine appena svegli. Ognuno ha i suoi impegni di vita, non posso imporvi di svegliarvi alle 5 del mattino. Certo è che appena svegli si lavora meglio. Per cui se per voi non è un grosso sacrificio, provateci! Magari solo per qualche giorno a settimana.
Come sempre, in fin dei conti, vale la regola del ‘un passo alla volta‘ e del ‘meglio che niente‘. Per cui se non avete un’ora di fila tutta per voi, potreste pensare a tre intervalli da 20 minuti circa, durante l’intero arco della giornata. Il solo fatto di provare a mettervi in gioco, vuol dire che davvero ci tenete a focalizzarvi su vuoi stessi. Quando otterrete benefici in termini di performance, rilassamento, conoscenze e traguardi allora potrete a fare ancora di più sul serio.

Siete quindi pronti per la vostra ora sacra?

Alla prossima, e ultima, sfida!

SabrinaF

Dal 2013 ha sviluppato un forte interesse per il mondo del fitness e trae il massimo dei benefici dagli allenamenti casalinghi. La tecnologia le permette di affrontare sempre nuove sfide, ma anche di monitorare i suoi progressi.Il suo motto: “Perché le cose o si fanno bene, o non si fanno” ;)

Vai alla barra degli strumenti